Cos’è lo spread?

Lo spread il termometro della politica e non solo.

Roma, 30 giugno 2018 – In questi giorni, soprattutto dopo quasi 90 giorni dalla elezioni politiche, senza un governo e soprattutto in previsione di un governo anti-europeista è stato usato molto spesso questo termine inglese.

Lo SPREAD è ’ uno degli indicatori più usati per valutare la crisi italiana.

Lo spread è considerato infatti un indicatore della capacità di un Paese di restituire i prestiti.
Lo Stato Italiano, per esempio, ha moltissimi debiti, costituiti sostanzialmente da tutti i titoli di Stato (Bot, btp ecc) emessi in cambio di soldi presi in prestito da cittadini, banche e altri paesi.

Uno degli indicatori più usati per valutare la crisi italiana è lospread con i bund tedeschi”.

Lo spread è la differenza o “allargamento” (spread in inglese) di rendimento tra i titoli di Stato (come i btp) italiani e quelli tedeschi (“bund”), pertanto meno l’Italia è credibile, più alti sono gli interessi che deve pagare per avere prestiti e più aumenta lo spread con i titoli tedeschi.

La crisi politica e l’incertezza dei mercati potrebbero costare cari alle famiglie che hanno acceso un mutuo a tasso variabile e alle aziende indebitate o in difficoltà in attesa di un prestito.

Pagare interessi alti può  avere come conseguenza l’impossibilità di ridurre i debiti, il che farebbe di nuovo crollare l’affidabilità del Paese,  e ricadere nel vortice sempre più vizioso non facendo placare la crisi economica da cui in maniera seppur lenta si stava cercando di uscire.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *