Confedercontribuenti: l’incontro con gli ex amministratori di Banca Base una vera delusione poca chiarezza sui motivi del commissariamento e per la sorte dei clienti.

Confedercontribuenti: l’incontro con gli ex amministratori di Banca Base una vera delusione poca chiarezza sui motivi del commissariamento e per la sorte dei clienti.

Stamattina  al FOURSPA  di Aci Castello,  l’ex-cda di Banca Base ha convocato i soci, i correntisti e i depositanti, presente anche Confedercontribuenti.

 

10/03/2017 – Stamattina  al FOURSPA  di Aci Castello,  l’ex-cda di Banca Base ha convocato i soci, i correntisti e i depositanti, “per fare chiarezza, perché la vicenda legata all’attività di Banca Base, attualmente in amministrazione straordinaria, è ostaggio di confusione e inesattezze” – riporta il comunicato.  Presente confidando realmente nella chiarezza anche Confedercontribuenti.

Carmelo Finocchiaro, il Presidente nazionale di Confedercontribuenti interviene dopo l’incontro degli ex amministratori di Banca Base ad UltimaTv

“ L’ex-cda di banca Base di Catania,  in amministrazione straordinaria dal 13 febbraio scorso.  ha chiesto di incontrare i soci e clienti per spiegare la loro verità su tutta la situazione – interviene Carmelo Finocchiaro presidente nazionale di Confedercontribuenti che ha  partecipato all’incontro.  – Mentre il commissario straordinario ancora non risponde alla richiesta di incontro per chiarire e porre soluzione alle numerosi difficoltà incontrate a causa del provvedimento di blocco dei conti correnti, avevamo accolto  positivamente questo incontro  che nei fatti si è risultato inutile perché non si è compresa la motivazione che ha portato al  commissariamento e soprattutto quale futuro per i clienti che al momento risultano coloro che stanno pagando tale situazione.  Sottolineiamo – conclude Finocchiaro – che non faremo sconti a nessuno  ed auspichiamo che si accertino  responsabilità da qualsiasi parte provengano e soprattutto che si risolvano celermente  i problemi e disagi di imprese e famiglie che si vedono morosi  non per proprie colpe”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *