a
a
HomeEditorialiInvece che una Commissione d’inchiesta sulle Banche, cambiamo le leggi

Invece che una Commissione d’inchiesta sulle Banche, cambiamo le leggi

di Carmelo Finocchiaro

L’ennesimo annuncio di una Commissione d’inchiesta sulle banche e in particolare sul mercato delle cartolarizzazione, non ci entusiasma più di tanto. Desideriamo un Parlamento che rapidamente produca una legislazione che riequilibri il rapporto fra cliente e banche. Vogliamo quell’insieme di norme definitive e chiare che smonti quanto fatto, in nome della stabilità del sistema bancario, dal precedente Governo: in particolare, sul mercato degli NPL, sul patto commissorio, sugli sfratti immediatamente esecutivi in presenza di azioni esecutive e ancor prima della conclusione delle aste.

Oggi è necessario inoltre che il mercato delle cartolarizzazioni si realizzi con gli stessi debitori attraverso il diritto di opzione e al costo che oggi sostengono le società che acquistano i crediti cosiddetti inesigibili, passando dall’obbligatorietà della verifica di tutte le anomalie possibili presenti nei contratti stipulati, siano essi viziati da usura, anatocismo o clausole vessatorie.

Insomma una “rivoluzione” liberale nella gestione del credito, che ridia a famiglie e imprese, la certezza che il sistema creditizio italiano, non sia un nemico ma un partner per lo sviluppo economico e per il benessere familiare della nazione.  Questo ci aspettiamo dal Parlamento e dal Governo, consapevoli che tutto si possa realizzare senza destabilizzare il mercato delle banche.

Condividi: