Type to search

Tags: , ,

Economia, il dramma delle imprese: -20% nel fatturato, 280 miliardi in fumo

Avatar
Share

Di Vittorio Sangiorgi (Direttore del Quotidiano dei Contribuenti)


Il primo semestre del 2020 ha avuto un effetto drammatico sulle aziende italiane (SPA ed SRL), è questo il dato che emerge da uno studio condotto da Consglio e Fondazione Nazionale dei Commercialisti per capire quanto è stato grave l’impatto del Covid-19 e della conseguente serrata.

Le stime dell’analisi parlano di un calo nel fatturato che sfiora i 20 punti percentuali (-19,7%), indice di una perdita totale di circa 280 miliardi. Lo studio ha preso in considerazione 830 mila società che fatturano complessivamente circa 2.700 miliardi di euro, l’89% di tutte le imprese e l’85% circa di tutti gli operatori economici, ed ha elaborato i dati forniti dall’AIDA di Bureau Van Dijk. Particolarmente rilevanti, al di là del drammatico bilancio generale, sono i dati realtivi alle zone del paese più colpite, sia guardando alle singole province che alle macroaree. La provincia ad accusare maggiormente i colpi della pandemia risulta essere Potenza (-29,1%), seguita a ruota da Arezzo (-27,2%) e Fermo (-26,3%). Tengono meglio, invece, realtà come Siracusa (-13,7%), Cagliari (-13,8%), Roma (16,1%),  Genova (16,5%), Trieste (16,7%). Guardando alle macroaree quella più colpita è, comprensibilmente, il Nord Est che fa registrate un calo del 21, 3%, mentre le Isole se la cavano con un – 17,6%. Emblematico, inoltre, il dato relativo al calo di fatturato nel mese di aprile (- 31,9%, con un perdita di circa 93 miliardi di euro). A pagare maggiormente pegno sono state le realtà operanti nei settori dell’industria e del commercio, specialmente quelle la cui filiera si è interrotta completamente, come ad esempio il comparto automobilistico.

Al di là di alcune differenze territoriali, che sono chiaramente figlie della diversa struttura imprenditoriale e sociale dell’Italia, le risultanze che emergono dall’ennesimo studio restituiscono, ahi noi, l’idea di un paese prostrato, messo in ginocchio dell’esplosione della pandemia e dallo stop all’attività produttiva. Ragion per cui, lo ripetiamo ancora una volta, servono misure urgenti, coraggiose, capaci di incidere davvero e di rilanciare dei settori di vitale importanza per la sopravvivenza dell’Italia. Un auspicio che, tra liti e divisioni nel governo, paralisi istituzionali, provvedimenti contentino, assenza di visione e di programmazione, sembra sempre più irrealizzabile.

Tags:

You Might also Like