Type to search

Turismo, luglio senza stranieri: l’Italia perde tre miliardi

Avatar
Share

Sono dati davvero significativi, che dovrebbero imporre serie riflessioni, quelli venuti fuori da uno studio condotto da Coldiretti sui danni economici causati, nel nostro paese, dall’assenza – quasi totale – di turisti stranieri nel mese di luglio. Le rigide norme messe in atto per contrastare il Covid, insieme alla paura degli spostamenti, hanno, infatti,  determinato una perdita di circa 3 miliardi per il settore del turismo e per tutte le attività ad esse connesse. L’anno scorso, nel medesimo periodo, i pernottamenti di stranieri in Italia si attestava sugli 8 milioni, cifra praticamente azzerata nel 2020.

Particolarmente danneggiato il settore gastronomico che, negli scorsi anni, poteva beneficiare di ingenti entrate. Basti pensare che circa il 33% delle spese dei vacanzieri internazionali era dedicato proprio ai pasti in ristoranti, pizzerie, gelaterie. Da registrare purtroppo, come sottolinea Coldiretti, anche danni indiretti, perché viene a mancare l’effetto promozionale sul “Made in Italy”. Una volta tornati in patria, infatti, i turisti sono soliti ricercare quei prodotti e quelle eccellenze che hanno apprezzato nel Belpaese, propagandandoli anche con amici e parenti. Cosa che, quest’anno, avverrà con maggiore difficoltà: prevedibile, dunque, anche un calo nelle esportazioni.

I 13,5 milioni di italiani che hanno deciso di trascorrere le loro vacanze in patria non riescono, purtroppo, a compensare l’assenza di turisti stranieri. In forte calo (-23%), d’altra parte, anche il numero di vacanzieri nostrani, a causa delle difficoltà economiche e del clima di incertezza. Molti dei nostri connazionali in viaggio hanno scelto di risiedere presso le seconde case o di affittarle per l’occasione. Abbastanza positivi i dati fatti registrare dalle strutture adibite a campeggio o che offrono servizi per i camper, così come quelli riguardanti i 24mila agriturismi italiani che, per collocamento e conformazione, sembrano incarnare il perfetto luogo di vacanza in questa anomala estate. L’altra faccia della medaglia, però, racconta la sofferenza delle strutture alberghiere e delle attività che fanno da corollario al turismo, specie nelle città d’arte e nelle mete tradizionalmente più ambite.

Una situazione, quella che abbiamo descritto, sicuramente difficile e totalmente inedita. Ragion per cui, lo abbiamo detto più volte, servono misure coraggiose, significative, straordinarie. I provvedimenti al vaglio del governo, tuttavia, non sembrano adeguati per affrontare quello che si delinea, sempre di più, come un vero dramma economico e sociale.

Tags:

You Might also Like