fbpx
a
a
HomeEditorialiSea-Watch e 47 migranti in balia di una violenta tempesta

Sea-Watch e 47 migranti in balia di una violenta tempesta

di Lillo Venezia, dir.resp.

Sono ore dure e pericolose per la Sea-Watch ed i 47 mugranri a bordo, salvati in mare qualche giorno fà. Sono in balia di una tempesta, anxi di un ciclone mediterraneo, in navigazione nel Canale di Sicilia, di fronte alle coste della Sicilia orientale. Da giorni i volontari chiedono di potersi riparae in un porto siciliano, come peraltro prevedono le convenzioni internazionali sul mare. Ma la sordità dei nostri governanti, tutti, con in testa Salvini, il fatto che le capitenerie di porto non rispondono agli S.O.S, addirittura negando che siano stati fatti, sta mettendo in grave situazione la vita dei migranti e dei volontari della Sea-Watch, non solo per la violenza della tempesta, ma anche per il gelo  che li attanaglia. In queste ultime ore, le associazioni di Siracusa hanno emesso un appello alle istituzioni, perchè diano immediatamente rifugio alla nave ed alle persone a bordo, a cui ha risposto positivamente l’amministrazione comunale. L’amministrazione siracusana dà la disponibilità di assistenza nel porto di Ssiracusa e della città di Siracusa a prendersi carico  delle persone. Ancora una volta il cinismo e l’ipocrisia dei sovranisti, di coloro che vanno in giro mostrando il rosario ed il vangelo, mostra i muscoli. Fascisti, leghisti e grillini, sempre per una manciata di voti, con lo sguardo alle elezioni europee, fanno a gara per accappararsi i voti di quei italiani fagocitati dall’insicurezza, dalla paura e dall’incertezza per una economia che vede sempre più allargarsi la forbice tra ricchi e poveri e laforte limitazione deidiritti democratici e sociali. Una trentina di miliardari, per lo più degli USA, detengono la ricchezza nel mondo. Personalmente però sono convinto che questa situazione si potrà ribaltare, la storia ha visto nascere e morire imperi e dittature che sembravano inossidabili. Ricordate sempre il detto: chi di spada ferisce, di spada perisce. Ed è bene che i sovranisti nostrani, in particolare Salvini, se lo ricordino . Già in passato il sovranista ha subito delle ferite mortali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: