Type to search

Russia: ritirate le accuse per droga contro il giornalista investigativo Golunov

Share

Sono state ritirate le accuse per traffico di droga contro il giornalista investigativo Ivan Golunov di Meduza, noto per le sue inchieste sulla corruzione. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno, Vladimir Kolokoltsev, che ha annunciato “per oggi” il suo rilascio dagli arresti domiciliari. 

Kolokoltsev ha anche annunciato che due alti funzionari di polizia coinvolti nell’arresto saranno licenziati. Si tratta del capo della polizia di Mosca occidentale, il maggior generale Andrei Puchkov, e del capo del dipartimento di polizia di Mosca per il narcotraffico, il maggior generale Yury Devyatkin

Sul corpo di Golunov quale gli esperti non avevano trovato tracce di droga. Poco dopo, è emerso che le foto diffuse sulla droga sequestrata nella sua abitazione erano false, il che rende plausibile che il reporter fosse stato incastrato in un’operazione orchestrata come vendetta per le sue inchieste scomode. 

Ieri i tre più autorevoli quotidiani nazionali – Kommersant, Vedemosti e Rbk – erano usciti con la stessa prima pagina, con la scritta a caratteri cubitali “Io, noi siamo Ivan Golunov”. Con l’iniziativa senza precedenti – che ha coinvolgto una testata come Kommersant, di proprietà del colosso statale del gas Gazprom – i giornali avevano denunciato il procedimento penale contro il 36enne cronista come un atto di intimidazione contro la società russa e avevano chiesto un’indagine sugli agenti che lo hanno arrestato e, secondo quanto riferito da Golunov, malmenato.

Successivamente la presidente del Consiglio della Federazione (il Senato russo), Valentina Matviyenko, aveva definito il caso “una brutta storia”. Un commento simile, proveniente da una figura considerata fedelissima del presidente Vladimir Putin,aveva incoraggiato i sostenitori e colleghi di Golunov, lasciando prevedere una felice conclusione della vicenda. 

Vedi: Russia: ritirate le accuse per droga contro il giornalista investigativo Golunov
Fonte: estero agi

Tags:

You Might also Like