Type to search

Peer to Peer Lending, le piattaforme che stanno cambiando il mercato del credito

Share

 

I siti web di prestito P2P collegano i mutuatari direttamente agli investitori. Ogni sito web imposta le tariffe e i termini e abilita la transazione, la maggior parte dei siti ha una vasta gamma di tassi di interesse basati sull’affidabilità creditizia del richiedente

di Corrado Piluccio

La recente crisi ha accentuato la difficoltà di reperire risorse finanziarie in grado di far fronte alle richieste di credito ai consumatori, con ovvi riflessi negativi sull’economia. Si giustifica, in tale contesto, la ricerca di nuovi meccanismi diretti alla creazione di canali di finanziamento alternativi a quello bancario tradizionale. Da qui la realizzazione di particolari forme di raccolta di capitale supportate da tecnologie avanzate, tali cioè da consentire la fruizione di peculiari modalità di utilizzo dei portali web.

I siti web di prestito P2P collegano i mutuatari direttamente agli investitori. Ogni sito web imposta le tariffe e i termini e abilita la transazione, la maggior parte dei siti ha una vasta gamma di tassi di interesse basati sull’affidabilità creditizia del richiedente.

Il potenziale investitore dovrà, dunque, aprire un conto con il sito e depositare una somma di denaro da disperdere in prestiti.

Il richiedente del prestito, invece, pubblicherà un profilo finanziario a cui verrà assegnata una categoria di rischio che determinerà il tasso di interesse che dovrà pagare.

Il trasferimento di denaro dei pagamenti mensili viene gestiti tramite la piattaforma, il processo può essere completamente automatizzato oppure istituti di credito e mutuatari possono scegliere di contrattare.

All’inizio, il sistema di prestito P2P era visto come un’offerta di accesso al credito a persone che sarebbero state respinte dalle istituzioni convenzionali, ma negli ultimi anni i siti di prestito P2P hanno ampliato la loro portata. La maggior parte ora si rivolge a consumatori che desiderano estinguere il debito della carta di credito a un tasso di interesse inferiore. Anche i prestiti per la casa e il finanziamento delle auto sono ora disponibili sui siti di prestito P2P.

Chiaramente coloro i quali valutano di entrare a far parte di un sito di prestito P2P come investitori dovranno preoccuparsi dei tassi di insolvenza, perché seppure le piattaforme prima di pubblicare una richiesta di credito analizzano nel dettaglio la situazione economica-finanziaria del debitore interrogando la centrale dei rischi, c’è sempre da considerare che il debitore possa non ripagare il proprio debito.

I tassi per i richiedenti classificati poco rischiosi, sono spesso inferiori ai tassi bancari comparabili, mentre i tassi per i richiedenti classificati molto rischiosi possono essere molto più alti.

Qualsiasi consumatore o investitore che consideri l’utilizzo di un sito di prestito P2P dovrebbe controllare le commissioni sulle transazioni. Ogni sito guadagna in modo diverso, ma le commissioni possono essere addebitate al prestatore, al mutuatario o a entrambi. Come le banche, i siti possono addebitare commissioni per la creazione di prestiti, commissioni per ritardo e commissioni per pagamenti rimbalzati.

 


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *