Type to search

Padula, pietra che si fa Certosa

Share

È figlio dei monti verdi e bianchi del Cilento il borgo di Padula, immerso nel Vallo di Diano, patrimonio dell’umanità dell’unesco. Capolavoro incontrastato del luogo è la certosa di San Lorenzo, tra le più importanti d’europa e fulgido esempio del barocco italiano. Il complesso trecentesco conta ben 350 stanze, tre chiostri, un giardino, un cortile e una chiesa. Meraviglioso il chiostro della Foresteria, uno dei più grandi d’europa, con portico, fontana del Seicento e loggiato, dove svetta la torre dell’orologio. Si prosegue con la biblioteca e con le ricche sale: delle Campane, del Capitolo, del Tesoro. Legata a doppio filo alla Certosa è anche uno dei più preziosi materiali della zona, a tutt’oggi lavorata nelle aziende della zona: parliamo della pietra bianca di Padula, che fa bella mostra di sé nella Certosa e perpetua la fiorente tradizione della scuola degli scalpellini padulesi, già apprezzata nei secoli scorsi e che oggi, evoluta in arte dell’intarsio a livello internazionale, splende anche nei mosaici policromi.

Fonte: e-borgi