Type to search

Le nuove misure restrittive anti-Covid in giro per l'Europa

Avatar
Share

AGI – Corre la paura di un secondo lockdown attraverso l’Europa. Diversi Paesi europei, tra cui Spagna, Francia e Regno Unito, hanno già iniziato ad inasprire le misure di contenimento a fronte di una crescita di nuovi contagi che sembra accelerare sempre di più.

Spagna

I primi annunci di “drastiche restrizioni” anti-Covid arrivano dalla regione di Madrid, misure che per ora dovrebbero interessare soprattutto i quartieri popolari a sud della capitale e le città circostanti, maggiormente colpite dall’epidemia. La Spagna, che in primavera è stata sottoposta a uno dei lockdown più severi del mondo, ha visto la pandemia tornare a galoppare a partire da luglio, portando il numero complessivo delle vittime a 30.400, tanto che il Paese è diventato quello con il più alto numero di vittime in proporzione alle popolazione dell’Ue, mentre ormai i nuovi contagi corrono alla media di circa 5000 al giorno.

“Il numero di posti in terapia intensiva è già insufficiente a causa dei pazienti Covid”, è l’allarme lanciato del pronto soccorso dell’ospedale di Madrid, con 32 posti letto per 35 pazienti. Nelle ultime settimane, l’area centrale della Spagna – che conta circa 6,6 milioni di abitanti – ha contato circa un terzo dei nuovi casi e dei nuovi decessi in Spagna.

Gran Bretagna

Sarà di oltre 15 milioni, stando a quanto afferma la Bbc, il numero complessivo delle persone coinvolte a partire dal prossimo martedì dalle misure di “lockdown parziale locale” annunciate dal governo di Boris Johnson. Provvedimenti progressivamente potranno riguardare zone sempre più vaste del Paese. Oggi sono entrate in vigore nuove restrizioni nel nord-est dell’Inghilterra, e riguardano 2 milioni di persone: sono vietati gli incontri tra persone provenienti da case diverse, ed è in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattina nei luoghi di intrattenimento.

Non solo: il governo britannico non esclude la possibilità di un nuovo lockdown generale se le misure locali non si riveleranno sufficienti. I casi di contagio hanno superato i 3000 casi al giorno nel Regno Unito, il Paese più colpito d’Europa in quanto a decessi, quasi 41.700. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha già annunciato la cancellazione dei fuochi d’artificio di Capodanno nella capitale britannica.

Francia

Ulteriore misure restrittive anche in Francia (dopo che il governo aveva già annunciato un nuovo piano anti-Covid con l’individuazione di 42 zone rosse). Il ministero alla Sanità ha spiegato che nuove restrizioni, tra cui la possibilità di chiudere i bar o il divieto di riunirsi in pubblico saranno decise in diverse grandi città, tra cui Marsiglia, Lione e Nizza, dove sono stati vietati gli incontri tra oltre 10 persone negli spazi pubblici e la vendita e il consumo di alcolici sulle strade pubbliche a partire dalle 20.

A dieci giorni dal suo inizio, eccezionalmente in autunno, il torneo di tennis del Roland Garros parigino permetterà l’ingresso di 11.500 spettatori al giorno, contro i 40.000 abituali. A preoccupare è l’ascesa dei nuovi contagi: lunedi’ si sono superati i 10 mila casi nelle 24 ore, mentre il numero di morti è raddoppiato nell’ultima settimana (265 rispetto alle 129 della settimana scorsa).

Danimarca

Il governo danese ha esteso le restrizioni finora imposte a Copenhagen e nel resto del Paese: i ristoranti e i bar dovranno chiudere alle 22, obbligatorio l’uso di maschere non solo per entrare nei locali, ma anche per sedersi. In linea di principio, le misure resteranno in vigore fino al 4 ottobre. Non si possono superare incontri con oltre 50 persone, ad eccezione di eventi organizzati in locali con capacità molto ampie nei quali siano state adottate misure igieniche adeguate.

L’esecutivo di Mette Frederiksen raccomanda inoltre di praticare il telelavoro il più possibile e di ridurre al minimo i contatti sociali. “Con l’inizio dell’autunno entreremo anche in una nuova fase della lotta contro la pandemia”, ha detto la premier. La Danimarca è stata tra i primi Paesi del Nord Europa a introdurre restrizioni alla vita pubblica e a contenere il contagio in tempi relativamente brevi, ma nelle ultime settimane il Paese ha registrato un’impennata di nuove infezioni, soprattutto nella capitale, Copenaghen: finora sono state contagiate 21.847 persone, le vittime sono 625. Il numero di nuove infezioni nelle ultime 24 ore è salito a 454, il più alto da aprile.

Portogallo

Il primo ministro portoghese, Antonio Costa, ha detto oggi che se la tendenza attuale continua, il Paese supererà la barriera dei 1.000 casi giornalieri di coronavirus la prossima settimana, invitando i cittadini ad assumersi la responsabilità di prevenirlo. “Dobbiamo riuscire a fermare la crescita di questa pandemia”, ha detto Costa dopo un incontro con il suo gabinetto di crisi per il Covid. Non sono escluse nuove misure restrittive.

Repubblica Ceca

La Repubblica Ceca ha imposto il venerdi’ l’uso di maschere in classe per gli studenti e gli alunni con più di undici anni. Con un numero record di 3.130 nuovi casi giovedi’, il Paese è tornato a registrare cifre giornaliere paragonabili all’intero mese di marzo. Attualmente, è si tratta dello Stato nel quale il numero delle nuove infezioni sta aumentando maggiormente, con un aumento del 65% al giorno (in media 1.300 nuovi casi).

Vedi: Le nuove misure restrittive anti-Covid in giro per l'Europa
Fonte: estero agi

Tags:

You Might also Like