a
a
HomeAgi InnovazioneLa tendinite da messaggini

La tendinite da messaggini

Avevo letto da qualche anno di questa fantomatica tendinite da messaggini, una nuova malattia che alcuni studi accumunano al torcicollo da streaming, al gomito del selfista e alla terribile Nintendite, la prima infiammazione brandizzata col nome di una azienda che produce videogame.

Mi sembravano cose leggendarie, adatte ad un fumetto di Zerocalcare, esagerazioni, insomma, parossismi letterari. Finché non mi è venuta. Sì, ho la tendinite da messaggini. O meglio da smartphone, come vedrete.

Ricordo bene come è iniziata, qualche giorno fa. Stavo giocando con i miei figli e ho sentito una fitta alla mano. Sul dorso. Da metà pollice fino al polso. Lì per lì non ho capito bene cosa fosse, ma appena ho preso il telefonino per controllare i messaggi e le notifiche, cosa che faccio, lo ammetto, con una frequenza esagerata ma in fondo nella media (4 ore e mezzo al giorno, circa 200 attivazioni dello schermo quotidiane), è stato chiaro.

Solo allora mi sono accorto del mio modo di usarlo. Con una mano sola, la destra, con un dito solo, il pollice. Ebbene quella azione che per me in questi anni è diventata così naturale, con la tendinite mi è totalmente impedita. Anche perché ne è la causa. Me lo ha detto un medico naturalmente, ma già prima me lo aveva detto il nostro dottore preferito, il dottor Google.

Cercando notizie su texting tendonitis (in inglese si trovano molte più cose), ho scoperto che questa storia va avanti da quasi un decennio. I primi studi sono del 2010, anno quarto dell’era dell’iPhone, cioé dell’oggetto che ha cambiato per sempre i nostri telefonini: intanto li ha resi indispensabili, non solo per i messaggini e le mail, per quello già c’era il BlackBerry, ma per tutto il resto (gaming, ticketing, ecommerce, streaming). E poi ne ha cambiato le dimensioni.

Il Nokia 3210, campione di vendite negli anni 90 con 160 milioni di pezzi, era largo poco più di 5 centimetri; l’iPhone XS quasi 8. Si dirà: gli attuali smartphone sono computer tascabili potentissimi. È vero. Ma non sono fatti per essere usati con una mano sola. Anzi, con un dito solo.

Vedi: La tendinite da messaggini
Fonte: innovazione agi

Post Tags
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: