fbpx
a
a
HomeAgi InnovazioneLa tecnologia di Facebook per “scrivere” con il pensiero è (un po') più vicina

La tecnologia di Facebook per “scrivere” con il pensiero è (un po') più vicina

Due anni fa, durante la conferenza per gli sviluppatori, Facebook lo aveva detto: “Stiamo lavorando a un sistema che permetta alle persone di scrivere con il pensiero”. Non era e non è il solo a farlo, ma adesso quell’obiettivo è un po’ più vicino.

Un (piccolo) passo avanti

Sia chiaro: non c’è ancora nulla di pronto all’uso, né lo sarà a breve. Ma una ricerca pubblicata su Nature e legata a Menlo Park ha fatto un passo avanti: un team della University of California è riuscita a tradurre “i pensieri” (o, meglio, i segnali elettrici del cervello) in parole. Non è una tecnologia del tutto nuova. Sono già diverse le ricerche sulla “Brain Computer Interface”, cioè su un’interfaccia che permetta di collegare direttamente cervello e macchine, senza far scorrere le dita sul display o pigiare i pulsanti di una tastiera.

La novità sta, questa volta, nella capacità di tradurre i pensieri in tempo reale, con un’accuratezza del 76%. E di farlo in un dialogo “aperto”, cioè durante una conversazione simile a quella naturale, per quanto non certo fluente e continuativa. A tre pazienti affetti da epilessia sono stati applicati degli elettrodi. I ricercatori hanno rivolto loro alcune semplici domande, chiedendo di rispondere ad alta voce. In tre casi su quattro, le parole pronunciate hanno trovato corrispondenza con quelle “lette” dal computer.

Cosa vuole farci Facebook

Anche Facebook ha chiarito che siamo ancora distanti da una potenziale applicazione. Il sistema è ancora troppo “ingombrante, lento e inaffidabile”. Azzeccare le parole nel 76% dei casi è incoraggiante, ma vuol dire che si sbaglia una volta su quattro. Tanto. “Vale però la pena continuare a migliorare questa tecnologia perché ha un potenziale significativo”, ha spiegato Menlo Park. Anche perché questo potenziale potrebbe esprimersi in una forma semplificata: non serve che ci sia una comprensione di pensieri complessi e lunghi discorsi. Per iniziare, basterebbe percepire con esattezza comandi come “seleziona” o “elimina”.

Se il tasso d’errore fosse azzerato (o quasi), l’hardware richiesto abbastanza snello e il software economico a sufficienza, il “lettore di pensieri” potrebbe integrarsi nei visori per la realtà aumentata ed essere utilizzato nei videogiochi o in alcuni ambienti di lavoro. Questa sembra essere l’applicazione più immediata, almeno nell’universo Facebook. Durante la F8 del 2017, un possibile utilizzo della Brain Computer Interface era stato fissato “entro 10 anni”, cioè attorno al 2027.

Per le applicazioni più complesse, servirà ancora più tempo. Soprattutto se il traguardo è quello abbozzato da Menlo Park due anni fa: “Creare un sistema in grado di trascrivere 100 parole al minuto direttamente dal cervello, quindi con una velocità cinque volte superiore a quella con cui scriviamo sugli smartphone”.

Il cervello come un account social

Il gruppo guidato da Mark Zuckerberg immagina il cervello come una sorta di account social. E come un account social dovrebbe avere specifiche impostazione sulla privacy: “Oggi si scattano molte foto, ma si decide di pubblicarne solo alcune”. Allo stesso modo, il sistema dovrebbe essere in grado di decodificare “solo le parole che hai deciso di condividere”.

Già due anni fa Facebook sottolineava quindi il problema della riservatezza. E visto quello che è successo nel frattempo (il caso Cambridge Analytica e il nuovo corso del social “privato”), continuerà a essere molto cauto. L’interfaccia computer-cervello, spiegava in un post, “è un modo di comunicare con la velocità e la flessibilità della voce, ma con la privacy del testo scritto”.

Si tratta di una prospettiva non certo immediata, che però è sfuggita al perimetro della fantascienza per entrare in quella del (tecnicamente) possibile. Far parlare cervello e macchina è uno dei prossimi campi d’azione, come dimostra anche l’annuncio di Elon Musk, che con Neuralink ambisce a far dialogare le persone paraplegiche con smartphone e pc grazie a un microprocessore impiantato nel cervello. I test inizieranno il prossimo anno.   

Vedi: La tecnologia di Facebook per “scrivere” con il pensiero è (un po') più vicina
Fonte: innovazione agi

Post Tags
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: