a
a
HomeAgiLa tassa sui rifiuti continua ad aumentare un po' in tutte le città italiane

La tassa sui rifiuti continua ad aumentare un po' in tutte le città italiane

Continua ad aumentare la tassa rifiuti per cittadini e imprese: nel 2018 è arrivata complessivamente a 9,5 miliardi di euro con un incremento, dal 2010, del 76% (+4,1 miliardi di euro). Il dato emerge dal secondo monitoraggio dell’Osservatorio tasse locali di Confcommercio, secondo cui lo scostamento dai fabbisogni standard è una delle principali cause dell’aumento dei costi di gestione dei rifiuti: in Piemonte, Basilicata e Calabria gli scostamenti maggiori, mentre Toscana e Abruzzo sono le regioni più virtuose.

Per quanto riguarda la Tari pro-capite la più elevata si registra nel Lazio (261 euro), mentre la la più bassa è in Molise (130 euro). A fronte di costi sempre più alti, denuncia ancora Confcommercio, calano livello e quantità dei servizi offerti dalle amministrazioni locali: solo 5 Regioni (Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte e Veneto) si collocano sopra il livello di sufficienza. Nonostante ciò, a quasi tutte le categorie merceologiche si continuano ad applicare coefficienti tariffari in crescita.

Tra le attività che pagano di più, ortofrutta, fiorai e pescherie (24,3 euro al mq.); i maggiori aumenti per discoteche, ristoranti, negozi di abbigliamento, librerie. Alla luce di questi risultati, Confcommercio “auspica che la nuova Arera, Autorità dell’energia elettrica e del gas che ha assorbito le competenze di regolazione e controllo sul ciclo dei rifiuti urbani, possa intraprendere un dialogo costruttivo con gli operatori e le associazioni imprenditoriali per avviare una riforma complessiva della fiscalità locale legata alla gestione dei rifiuti”.

Vedi: La tassa sui rifiuti continua ad aumentare un po' in tutte le città italiane
Fonte: economia agi

Post Tags
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: