Type to search

La Commissione Europea ha voluto affossare le 4 banche italiane. Lo dice il Tribunale UE. Confedercontribuenti, ne rispondano patrimonialmente i Commissari UE.

Share

Si poteva scongiurare il fallimento di quattro banche – la Cassa di Risparmio di Chieti, Banca Etruria, Banca delle Marche e la Cari Ferrara – e la perdita secca per gli obbligazionisti e gli investitori. Ma la  Commissione e il Commissario Margrethe Vestager   si sono ostinati a dire che l’utilizzo del Fondo Interbancario costituiva un aiuto di Stato. E ancora piu’ grave che ancora oggi frenano il rimborso fino a un miliardo e mezzo per i risparmiatori travolti dalla caduta della Popolare di Vicenza e Veneto Banca.  Adesso è ufficiale il Tribunale Ue,  ha accolto il ricorso presentato da Banca Tercas, affermando che utilizzare il Fondo di garanzia interbancario non avrebbe configurato affatto un aiuto di Stato. Un fatto gravissimo di cui devono rispondere i Commissari di allora, dopo la storica sentenza, afferma il Presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro.

 

 

 

Tags: