fbpx
a
a
HomeIn primo pianoIstat: 5 milioni di italiani in povertà assoluta, 9 milioni in povertà relativa

Istat: 5 milioni di italiani in povertà assoluta, 9 milioni in povertà relativa

Nel 2018, si stima siano oltre 1,8 milioni di famiglie in povertà assoluta (con un’incidenza pari al 7,0%), per un totale di 5 milioni di individui (incidenza pari all’8,4% della popolazione). Il dato è segnalato dall’Istat che fa notare come i livelli rimangano massimi dal 2005, ma si arresti dopo tre anni la crescita del numero e della quota di famiglie in povertà assoluta. Le famiglie in condizione di povertà relativa nel 2018 sono invece poco più di 3 milioni (11,8%), per un totale di quasi 9 milioni di persone (15,0% del totale). L’anno analizzato dall’Istat è il 2018 e non si rilevano variazioni significative rispetto al precedente, nonostante il quadro di diminuzione della spesa complessiva delle famiglie in termini reali. In gran parte questo si deve al fatto che soltanto le famiglie con minore capacità di spesa (quelle a maggiore rischio di povertà) mostrano una tenuta dei propri livelli di spesa, con un conseguente miglioramento in termini relativi rispetto alle altre. Quanto sono poveri i poveri L’intensità della povertà, cioè quanto la spesa mensile delle famiglie povere è mediamente sotto la linea di povertà in termini percentuali, ovvero “quanto poveri sono i poveri”, si attesta nel 2018 al 19,4% (era il 20,4% nel 2017), da un minimo del 18,0% nel Centro a un massimo del 20,8% al Sud. L’incidenza delle famiglie in povertà assoluta si conferma notevolmente superiore nel Mezzogiorno (9,6% nel Sud e 10,8% nelle Isole) rispetto alle altre ripartizioni (6,1% nel Nord-Ovest e 5,3% nel Nord-est e del Centro). Analogamente agli anni passati, sebbene la quota di famiglie che risiede nel Nord sia maggiore di quella del Mezzogiorno (47,7% rispetto a 31,7%), anche nel 2018 il maggior numero di famiglie povere è presente in quest’ultima ripartizione (45,1% contro 39,3% del Nord). Nel Centro si trova il restante 15,6% di famiglie povere. Le famiglie in povertà relativa crescono al Nord e diminuiscono al Sud Le famiglie in condizioni di povertà relativa nel 2018 sono stimate pari a poco più di 3 milioni (11,8%), per un totale di quasi 9 milioni di individui (15,0%). Rispetto al 2017 il fenomeno si aggrava nel Nord (da 5,9% al 6,6%), in particolare nel Nord-est dove l’incidenza passa da 5,5% a 6,6%. Il Mezzogiorno, invece, presenta una dinamica opposta (24,7% nel 2017, 22,1% nel 2018), con una riduzione dell’incidenza sia nel Sud (da 24,1% a 22,3%) sia nelle Isole (da 25,9% a 21,6%). A livello individuale, il lieve calo in media nazionale (da 15,6% a 15,0%) è sintesi di dinamiche contrastanti nelle ripartizioni (da 7,4% a 8,6% nel Nord-est; da 30,8% a 25,7% nelle Isole). Su scala territoriale, Calabria (30,6%), Campania (24,9%) e Sicilia (22,5%) si confermano le regioni con la maggiore incidenza.     Minorenni e stranieri 1 milione e 260 mila sono i minorenni in povertà assoluta (il 12,6%) L’incidenza dei minori in povertà va dal 10,1% nel Centro fino al 15,7% nel Mezzogiorno dove risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2017. 30,3% l’incidenza della povertà assoluta tra i cittadini stranieri, Tra gli italiani è il 6,4%.

Fonte:rai news

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: