Type to search

Intervista a Fulvio Vassallo Paleologo ONG, AVETE SALVATO VITE UMANE? VI CONDANNO

Share

Intervista a Fulvio Vassallo Paleologo
ONG, AVETE SALVATO VITE UMANE? VI CONDANNO

Mentre la procura di Catania chiede il non luogo a procedere per Salvini, assistiamo ad un inaudito inasprimento degli attacchi e delle inchieste nei confronti delle Organizzazioni Non Governative, ree di aver salvato nel corso degli anni decine di migliaia di persone dal naufragio in mare e dalla detenzione arbitraria in Libia. Ne parliamo con il direttore dell’Associazione “L’Altro diritto-Sicilia”, che opera attivamente nella difesa dei migranti e dei richiedenti asilo

di Graziella Proto*

Nell’udienza di venerdì 9 aprile 2021 la procura di Catania ha chiesto di scagionare l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini sul caso della nave Gregoretti. Il gup Nunzio Sarpietro il prossimo 14 maggio deciderà se rinviare a giudizio o dichiarare il non luogo a procedere per l’ex ministro dell’Interno.
Presso il tribunale di Catania il senatore è accusato di sequestro di 131 migranti, ai quali è stato ritardato lo sbarco dalla nave Gregoretti della Guardia costiera italiana che, nel luglio del 2019, è rimasta ferma ad Augusta (SR). L’accusa formulata è quella di aver “abusato dei suoi poteri privando della libertà personale 131 migranti rimasti a bordo della nave dalle 00:35 del 27 luglio 2019 fino al pomeriggio del 31 luglio”, quando fu disposta l’autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nell’ambito di un accordo per la distribuzione dei migranti in altri cinque paesi UE.

Recentemente nell’aula bunker di Bicocca a Catania, è stato sentito Maurizio Massari, l’ambasciatore italiano in Europa. Il funzionario la sera del 26 luglio 2019 sembrerebbe aver comunicato a Palazzo Chigi che quattro Paesi europei, Francia, Germania, Irlanda e Lussemburgo avevano dato la loro disponibilità ad accogliere parte dei migranti che l’Italia tratteneva a bordo della nave della guardia costiera Gregoretti. Il Tribunale dei ministri di Catania aveva chiesto rinvio a giudizio per l’allora ministro dell’Interno Salvini, richiesta che ha ottenuto il via libera del Senato il 12 febbraio dello scorso anno. Sul caso Gregoretti la Procura di Catania guidata da Carmelo Zuccaro, si era già pronunciata per il non luogo a procedere, la spiegazione all’incirca fu che sulla nave vennero garantiti assistenza medica e beni di prima necessità, lo sbarco immediato di malati e minorenni e che tutto sommato, sembrerebbe ci spieghino, “l’attesa di 3 giorni per uno sbarco” non possa “considerarsi un’illegittima privazione della libertà” dei migranti a bordo della nave.

Nel frattempo assistiamo ad un inasprimento degli attacchi e delle inchieste nei confronti delle Organizzazioni Non Governative, ree di aver salvato nel corso degli anni decine di migliaia di persone dal naufragio in mare, e dalla detenzione arbitraria in Libia. Le iniziative di Trapani e Ragusa contro le ONG, i fermi amministrativi di navi a posto dal punto di vista amministrativo, un gruppo di cittadini di Lampedusa che si costituisce parte civile contro le ONG, tutto ciò sembra un assalto terrificante contro chi salva vite umane. Una cosa inaudita.
Ne parliamo con l’avvocato Fulvio Vassallo Paleologo, componente del Collegio del Dottorato in “Diritti umani: evoluzione, tutela, limiti”, presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Palermo, direttore dell’Associazione “L’Altro diritto-Sicilia”. Fulvio Vassallo Paleologo opera attivamente nNe parliamo con l’avvocato Fulvio Vassallo Paleologo, componente del Collegio del Dottorato in “Diritti umani: evoluzione, tutela, limiti”, presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Palermo, direttore dell’Associazione “L’Altro diritto-Sicilia”. Fulvio Vassallo Paleologo opera attivamente nella difesa dei migranti e dei richiedenti asilo, con diverse Organizzazioni non governative. Fa parte della rete europea di assistenza, ricerca ed informazione per i migranti “Migreurop”. ella difesa dei migranti e dei richiedenti asilo, con diverse Organizzazioni non governative. Fa parte della rete europea di assistenza, ricerca ed informazione per i migranti “Migreurop”.
Ne parliamo con l’avvocato Fulvio Vassallo Paleologo, componente del Collegio del Dottorato in “Diritti umani: evoluzione, tutela, limiti”, presso il Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università di Palermo, direttore dell’Associazione “L’Altro diritto-Sicilia”. Fulvio Vassallo Paleologo opera attivamente nella difesa dei migranti e dei richiedenti asilo, con diverse Organizzazioni non governative. Fa parte della rete europea di assistenza, ricerca ed informazione per i migranti “Migreurop”.

Non luogo a procedere, insomma non era sequestro di persona

Come era prevedibile, il protrarsi dell’udienza preliminare Gregoretti ha oscurato i fatti e le norme sui quali si sarebbe dovuto pronunciare il GUP. Fatti e norme su cui era stata limpida e argomentata la richiesta di autorizzazione a procedere formulata dal Tribunale dei ministri di Catania, che sembra ormai uscita dall’attenzione generale, oltre che dal campo delle audizioni dei testimoni. Ed era prevedibile con l’accoglimento della richiesta avanzata dalla difesa del senatore Salvini per l’audizione come testi di numerosi politici, anche dell’attuale ministro Lamorgese che all’epoca dei fatti contestati dal Tribunale dei ministri di Catania non rivestiva incarichi di governo.
Non sembra che le testimonianze raccolte abbiano portato un qualsiasi contributo per valutare quanto il Tribunale dei ministri contestava al senatore Salvini, che nella qualità di ministro dell’Interno, in violazione delle Convenzioni internazionali di diritto del mare, avrebbe evitato di rispondere tempestivamente alla richiesta di POS (Place of Safety) presentata formalmente da IMRCC (Italian Maritime Rescue Coordination Center), il 27 luglio 2019, bloccando in questo modo la procedura di sbarco dei migranti, in modo da determinarne la illegittima privazione della libertà personale, costringendoli inoltre a rimanere in condizioni psicofisiche critiche a bordo della nave Gregoretti ormeggiata nel porto di Augusta fino al pomeriggio del 31 luglio 2019, momento in cui veniva autorizzato lo sbarco. Secondo quanto accertato dal Tribunale dei ministri di Catania.

Ma dal carteggio del lavoro svolto in quel periodo dal governo possibile che non risulti nulla?

Nell’unica riunione del Consiglio dei Ministri, tenutasi in data 31 luglio 2019, la questione relativa alla vicenda della nave Gregoretti non figura all’ordine del giorno e non è stata oggetto di trattazione nell’ambito delle questioni varie ed eventuali.

Sembra che il tutto si stia svolgendo con modalità tanto prolungate da costituire quasi un processo anticipato, in difformità al codice di rito.

Certamente, è così. La Procura di Catania ha ribadito la richiesta di non luogo a procedere già formulata lo scorso anno dal capo dell’Ufficio dottor Zuccaro e la posizione della Procura sembra coincidere quasi del tutto con le difese di taglio politico articolate dal senatore Salvini.
Ma la scelta politica di “difendere i confini” o di “negoziare con l’Unione Europea” può prescindere dal rispetto del quadro normativo italiano e delle Convenzioni internazionali che ne fanno parte? (art. 117 della Costituzione)

Il decreto sicurezza bis 14 giugno 2019, n. 53, all’art. 2, con la rubrica “Inottemperanza” a limitazioni o divieti in materia di ordine, sicurezza pubblica e immigrazione (non il primo decreto sicurezza n.113/2018 come erroneamente dichiarato al GUP dal ministro Lamorgese), permetteva al ministro dell’Interno di vietare l’ingresso nelle acque territoriali e nei porti italiani e di sanzionare i casi di inottemperanza, soltanto nel caso di soccorsi operati dalle ONG, restando espressamente escluse le navi militari italiane (art. 2). Nel caso di soccorsi operati, sia pure nella fase finale, da navi militari italiane, rimane dunque esclusa qualsiasi comparazione con i soccorsi operati dalle ONG, e la stessa possibilità di vietare lo sbarco dei naufraghi. L’esito del caso Gregoretti sembra davvero scontato.
La decisione del giudice dell’Udienza preliminare (GUP) di Catania il prossimo 14 maggio, assai probabilmente sarà con il non luogo a procedere per il senatore Salvini. Nel frattempo si assiste ad un ulteriore rilancio degli attacchi e delle inchieste nei confronti delle Organizzazioni Non Governative che nel corso degli anni, dal 2016 ad oggi, hanno salvato da naufragio in mare, ma anche dalla detenzione arbitraria in Libia, decine di migliaia di persone. Ancora ieri un migrante che fuggiva da un centro di detenzione in Libia è stato ucciso ed altri due sono stati gravemente feriti. È questa la Libia che dovrebbe garantire porti sicuri di sbarco e verso la quale si dovrebbero respingere i migranti intercettati in acque internazionali con la delega alla sedicente Guardia costiera libica?

Secondo lei si tornerà ad imporre alle ONG di obbedire ai comandi dei guardiacoste libici e si daranno altri ordini di stand-by? Per quanto tempo ancora le navi militari italiane, come la Gregoretti, che fino al 2017 avevano salvato la vita di decine di migliaia di persone intervenendo a poche miglia dalle coste libiche, saranno obbligate a restare vicino alle acque territoriali italiane, o a non “farsi vedere” per non essere coinvolte in attività di ricerca e salvataggio (SAR)?

Come aveva fatto nel 2013 la nave Lybra della nostra Marina, con conseguenze catastrofiche, e come potrebbe succedere ancora oggi. Le azioni di soccorso dei naufraghi soccorsi in acque internazionali non configurano alcun evento di immigrazione irregolare, i naufraghi non sono clandestini, e lo sbarco a terra deve essere assicurato attraverso la procedura Hotspot, senza alcuna possibilità di trattenimento prolungato a bordo della nave soccorritrice, soprattutto se questa sia una nave militare che batte bandiera italiana, come la Gregoretti. Come previsto dall’art. 10 ter del Testo Unico sull’immigrazione n. 286/98.

Qual è la sua opinione in proposito?

In sede di udienza preliminare si sarebbe dovuto valutare quanto affermato dal Tribunale dei ministri di Catania, che mirava ad un accertamento delle responsabilità personali, non mirava a fare un processo a una linea politica. La decisione del ministro ha costituito esplicita violazione delle convenzioni internazionali in ordine alla modalità di accoglienza dei migranti soccorsi in mare. In quel momento non sussistevano profili di ordine pubblico tali che giustificassero la protratta permanenza dei migranti a bordo della Gregoretti. Per lo stesso tribunale, per il reato di sequestro di persona è sufficiente il dolo generico, consistente nella consapevolezza di infliggere alla vittima la illegittima restrizione della sua libertà fisica, intesa come libertà di locomozione. Si trattava dunque di una costrizione a bordo non voluta e subita, e dunque penalmente rilevante.
Ai fini della valutazione dei fatti riferibili al caso Gregoretti al tempo dei fatti contestati al senatore Salvini, un quadro normativo esisteva, a livello internazionale e a livello nazionale. Ed in base alle norme si dovrebbe operare nella valutazione della responsabilità penale. Dal 1996 esisteva un Piano SAR nazionale, recentemente aggiornato, derivante da prescrizioni che tutti (anche i giudici) potrebbero consultare nel manuale IAMSAR (del 2005) e nelle Convenzioni internazionali (e relativi annessi). L’accertamento delle responsabilità da parte del Giudice dell’Udienza preliminare sta concentrandosi invece sulla natura collegiale delle scelte politiche imposte da Salvini e non sul rispetto delle norme che regolavano gli sbarchi in porto dalle navi militari che avevano raccolto naufraghi a bordo.

Allora si parlò di ricatto all’Unione Europea per la redistribuzione dei naufraghi, oggi sembra prevalere il principio della discrezionalità della politica.

Appunto, e verrebbe meno il principio di legalità ed il rispetto dello Stato di diritto, dunque un pilastro della nostra democrazia. Ed è questo lo scenario che si profila a Catania. E non solo a Catania. Di fronte all’esercizio della discrezionalità politica in materia di sbarchi si assiste infatti ad una evidente disparità di trattamento, e dunque una violazione del principio di uguaglianza davanti alla legge. Nei procedimenti che vedono sotto indagine il senatore Salvini, le determinazioni discrezionali di un ministro stravolgono l’applicazione di leggi e Convenzioni internazionali, con la richiesta di archiviazione delle accuse.

Un modo di procedere molto diverso quando si tratta di processi nei confronti delle ONG, non trova?

Nei processi nei confronti delle ONG, pure in presenza di comportamenti che costituiscono adempimento dei doveri di soccorso stabiliti dalle Convenzioni internazionali (come ci ha ricordato una sentenza della Corte di Cassazione del 20 febbraio 2020), rispetto a persone che già in Libia si trovavano in evidente stato di necessità, anche prima di imbarcarsi sui barconi, si utilizzano brani variamente estrapolati da una valanga di intercettazioni successive ai fatti, per ricostruire a posteriori presunti profili di responsabilità penale degli operatori umanitari quindi il processo e la condanna secondo alcune procure nei confronti di chi ha adempiuto agli obblighi di soccorso, mentre altre chiedono il non luogo a procedere per chi è accusato di avere violato norme e Convenzioni internazionali sui soccorsi in mare. Ci sarà un giudice a Berlino?

* Direttora della rivista antimafia “Le Siciliane”

 


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *