Type to search

IL PLURALISMO VALORIZZA LA DIVERSITÀ

Share

Quando persone provenienti da nazionalità, religioni, etnie e filosofie diverse si uniscono per formare una comunità nasce una società diversificata nella quale le differenze vanno riconosciute e valorizzate. Nel 2001, la Conferenza generale dell’UNESCO, nella sua “Dichiarazione universale sulla diversità culturale”, ha affermato che “la diversità culturale è necessaria per l’umanità quanto la biodiversità lo è per la natura

di Antonino Gulisano

A quanto pare il tema della cittadinanza agli islamici è sentito. La riproposizione dello Ius soli è di attualità, rilanciata dal segretario del PD, cui vorremo dedicare qualche riflessione sui termini Multiculturalismo e Pluralismo.

Non si deve confondere tra il multiculturalismo che esiste in alcuni Paesi, che c’è di fatto, e il multiculturalismo come ideologia.

Il pluralismo valorizza e pregia la diversità. Ma una diversità fondata su cross-cutting cleavages, (scissioni trasversali) su affiliazioni e appartenenze che si incrociano, che sono intersecanti, e non, invece, come si configura nel caso dell’ideologia multiculturale.

Un’altra confusione da evitare è tra conflitti religiosi e conflitti etnici. Come accade all’interno del mondo musulmano.

Tutti si chiedono quali siano i rimedi, eppure sono ovvi. È stato il bombardamento del «politicamente corretto» che ce li ha fatti dimenticare o dichiarare superati. A suo tempo i tedeschi accolsero milioni di turchi come «lavoratori ospiti»; noi avevamo e abbiamo i permessi di soggiorno a lunga scadenza; gli Stati Uniti concedono agli stranieri la residenza permanente.

Sono tutte soluzioni che occorre, migliorare e «umanizzare».

Il termine multiculturalismo, entrato nell’uso comune verso la fine degli anni ottanta, identifica una società in cui più culture, anche molto differenti l’una dall’altra, convivono mantenendo ognuna la propria identità. Pur potendo avere interscambi, conservano quindi le peculiarità del proprio gruppo sociale. Le minoranze in particolare mantengono il loro diritto ad esistere, senza omologarsi o fondersi ad una cultura predominante, diluendo o perdendo quindi la propria identità.

Il termine multirazzismo, indicante la condizione in cui più etnie (rilevanti dal punto di vista numerico) convivono all’interno di un singolo Stato, viene solitamente utilizzato negli ambienti di estrema destra in una chiave dispregiativa nonché complottista, proponendo che tale condizione porterebbe al fallimento degli Stati nazionali nella tutela dei propri cittadini.

In sociologia, il multiculturalismo descrive il modo in cui una data società affronta la diversità culturale. Nell’area della filosofia politica, il multiculturalismo si riferisce ai modi in cui le società scelgono di formulare e attuare politiche ufficiali che si occupano del trattamento equo delle diverse culture.

Il multiculturalismo è il modo in cui una società affronta la diversità culturale, sia a livello nazionale che a livello comunitario.

Dal punto di vista sociologico, il multiculturalismo presume che la società nel suo insieme tragga vantaggio da una maggiore diversità attraverso la coesistenza armoniosa di culture diverse.

Il multiculturalismo si sviluppa tipicamente secondo una delle due teorie: la teoria del “melting pot” (elementi che si fondono) o la teoria della “ciotola di insalata”.

I fautori del multiculturalismo credono che le persone dovrebbero conservare almeno alcune caratteristiche delle loro culture tradizionali. Gli oppositori affermano che il multiculturalismo minaccia l’ordine sociale diminuendo l’identità e l’influenza della cultura predominante. Pur riconoscendo che si tratta di una questione sociopolitica ci concentreremo sugli aspetti sociologici.

In sociologia, il “melting pot” è un concetto che si riferisce a una società eterogenea che diventa più omogenea con i diversi elementi che si “fondono” in un insieme armonioso con una cultura comune.

Il concetto di melting pot è più comunemente usato per descrivere l’assimilazione degli immigrati negli Stati Uniti, sebbene possa essere utilizzato in qualsiasi contesto in cui una nuova cultura viene a coesistere con un’altra. In tempi recenti, i rifugiati dal Medio Oriente hanno creato melting pot in tutta Europa e nelle Americhe.

Una teoria più liberale del multiculturalismo rispetto al melting pot, la teoria dell’insalatiera, descrive una società eterogenea in cui le persone coesistono ma conservano almeno alcune delle caratteristiche uniche della loro cultura tradizionale. Come gli ingredienti di un’insalata, culture diverse vengono riunite, ma invece di fondersi in un’unica cultura omogenea, mantengono i propri sapori distinti. Negli Stati Uniti, New York City, con le sue numerose comunità etniche uniche come “Little India”, “Little Odessa” e “Chinatown” è considerata un esempio di società di insalatiere. La teoria dell’insalatiera afferma che non è necessario che le persone rinuncino al proprio patrimonio culturale per essere considerate membri della società dominante. Le società multiculturali sono caratterizzate da persone di razze, etnie e nazionalità diverse che vivono insieme nella stessa comunità. Nelle comunità multiculturali, le persone conservano, tramandano, celebrano e condividono i loro modi di vita, lingue, arte, tradizioni e comportamenti culturali unici.

Le caratteristiche del multiculturalismo si diffondono spesso nelle scuole pubbliche della comunità, dove i programmi di studio sono elaborati per introdurre i giovani alle qualità e ai benefici della diversità culturale. Sebbene a volte siano criticati come una forma di “correttezza politica”, i sistemi educativi nelle società multiculturali sottolineano le storie e le tradizioni delle minoranze nelle classi e nei libri di testo.

Uno studio del 2018 condotto dal Pew Research Center ha scoperto che la generazione “post-millenario” di persone di età compresa tra 6 e 21 anni è la generazione più diversificata nella società americana. In Argentina, ad esempio, articoli di giornale e programmi radiofonici e televisivi sono comunemente presentati in inglese, tedesco, italiano, francese o portoghese, oltre allo spagnolo nativo del paese. In effetti, la costituzione argentina promuove l’immigrazione riconoscendo il diritto degli individui a conservare più cittadinanze di altri paesi. Il multiculturalismo è la chiave per raggiungere un alto grado di diversità culturale. La diversità si verifica quando persone di razze, nazionalità, religioni, etnie e filosofie diverse si uniscono per formare una comunità. Una società veramente diversificata è quella che riconosce e valorizza le differenze culturali nella sua gente.

Nel 2001, la Conferenza generale dell’UNESCO ha assunto questa posizione quando ha affermato nella sua Dichiarazione universale sulla diversità culturale che “… la diversità culturale è necessaria per l’umanità quanto la biodiversità lo è per la natura”.

Oggi, interi paesi, luoghi di lavoro e scuole sono sempre più costituiti da vari gruppi culturali, razziali ed etnici. Riconoscendo e imparando a conoscere questi vari gruppi, le comunità creano fiducia, rispetto e comprensione in tutte le culture.

Le comunità e le organizzazioni in tutti i contesti beneficiano dei diversi background, abilità, esperienze e nuovi modi di pensare che derivano dalla diversità culturale.


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *