Type to search

I risvolti psicologici dovuti al Covid

Share

Dott.ssa Floriana Finocchiaro – Psicologa

La comparsa del Coronavirus nel dicembre 2019 in Cina e la successiva dichiarazione di pandemia da parte dell’Oms nel marzo 2020, hanno provocato notevoli cambiamenti nella vita di ciascuno di noi. Il lockdown, imposto dal governo al fine di contenere la diffusione del virus, ha però provocato notevoli conseguenze e cambiamenti in termini di abitudini, ritmi di vita, modalità di relazionarsi con l’altro. Dal punto di vista prettamente psicologico possiamo annoverare una serie di conseguenze emotive, tra cui: senso di impotenza, rabbia, frustrazione, paura, incertezza su presente e futuro, sintomi depressivi e post-traumatici, stati ansiosi dovuti alla paura del contagio, angoscia percezione di minaccia e fatalismo.

Tutto ciò può aver condotto a stati duraturi di stress, ansia, irritabilità e comportamenti disadattivi.
Ma, nel concreto, cosa possiamo fare per far fronte a tutto questo? Innanzitutto è importante conoscere ed essere consapevoli delle proprie modalità di reazione alle situazioni stressanti, cercare di non mettere in atto agiti dettati dall’impulso, gestire la frustrazione, riadattare le proprie modalità relazionali ad una condizione imprevista ma necessaria per contenere un’ulteriore diffusione del virus. Fondamentale è inoltre rivolgersi ad un professionista, nel caso in cui le proprie ansie e paure non possano essere gestite da soli.
Tags: