Type to search

I consumatori alla prova green

Share

Il cambiamento climatico è stato al centro del World Economic Forum di Davos considerando che invece che scendere, le emissioni aumenteranno ancora, di quasi l’11%. Così le stime del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Intergovernmental Panel on Climate Change – IPCC) delle Nazioni Unite. Ecco perché sarà necessario sostenere e implementare la produzione di prodotti green attraverso un cambiamento tecnologico trasversale a tutti i settori. Così l’ultimo studio del World Economic Forum (WEF), in collaborazione con Boston Consulting Group (BCG), intitolato “Winning in Green Markets: Scaling Products for a Net Zero World”, illustra come le aziende possono accelerare il percorso verso la sostenibilità intercettando o disegnando nuovi mercat

In primis c’è da dire che oggi i prodotti a basse emissioni di carbonio hanno ancora prezzi proibitivi, che superano anche del 50% il resto dei prodotti in commercio, in particolare nel settore industriale. Tuttavia, man mano che le tecnologie verdi si diffonderanno, i sovrapprezzi diminuiranno fino a scomparire tenendo conto del luogo e delle politiche governative di  riferimento. Un’indagine condotta da BCG stima che, mentre meno del 10% dei consumatori sceglie di acquistare prodotti sostenibili, il numero aumenta di circa due-quattro volte (dal 20% al 43% dei consumatori) quando la sostenibilità è collegata ad altri vantaggi come la salute, la sicurezza e la qualità. Il numero aumenta ancora di due quattro volte (fino a circa l’80% dei consumatori) quando i prodotti sostenibili sono comparabili ai prodotti più comuni in termini di convenienza, presenza di informazioni sull’origine e costi. Queste tendenze mostrano come i consumatori siano disposti a pagare di più per prodotti sostenibili.