Type to search

Hombre de Libertad

Share

Mercoledì 10 agosto a Gravina di Catania, in scena lo spettacolo di e con Ornella Giusto che, accompagnata dal maestro Agatino Scuderi, propone l’omaggio a Federico Garcìa Lorca

Fonte: Ufficio Stampa

“Sono stata conquistata da García Lorca tanti anni fa. E’ come se, nonostante un secolo di separazione tra noi, sentissi un legame profondo con quella sua sensibilità. L’idea di farne uno spettacolo mi accarezzava da tempo, ma ha preso sempre più forma quando ho cominciato a studiare il flamenco”. Così Ornella Giusto, attrice, poeta e produttrice racconta la connessione con l’artista spagnolo che l’ha portata a scrivere, produrre, dirigere e interpretare lo spettacolo Hombre de libertad- Omaggio a Federico García Lorca in cui racconta la vita e l’intensità del poeta con un’opera in cui si specchia e si riconosce.

Dopo l’acclamato debutto assoluto del 26 luglio al Catania Summer Fest lo spettacolo – prodotto da Black & White e OG production – sarà in scena mercoledì 10 agosto, alle ore 21, al Parco Borsellino Teatro Turi Ferro di Gravina di Catania, per una nuova tappa (ce ne saranno presto altre in tutta l’Isola, tra cui quella già annunciata del 4 settembre a Noto).

Lo spettacolo Hombre de libertadOmaggio a Federico García Lorca è un’occasione per conoscere la storia e l’anima del poeta spagnolo e della sua grande lotta per l’affermazione della libertà di artista e di uomo, socialista, omosessuale e innovativo. “È stato proprio in un periodo che sembrerebbe tanto diverso da quello della Spagna franchista, ma in cui, in fondo, permangono pregiudizi e barriere che spesso non permettono alle persone di vivere la propria vita e di asserire i propri ideali, che ho deciso di completarlo e portarlo in scena”.

E in scena Ornella Giusto racconta la storia del poeta attraverso le sue stesse poesie (ci sono anche le voci registrate di Giampaolo Caprino e Rosario Galli), tra passi di flamenco e le canzoni dal vivo, in cui è accompagnata dalla chitarra del maestro Agatino Scuderi che spiega: “La scelta delle musiche tratte dal repertorio spagnolo e sudamericano classico per chitarra quali Tarrega, Llobet, Mompou, Barrios è legata al contenuto del testo poetico del grande artista e alla trama della sua vita non facile e quanto mai drammatica”.