Type to search

Forcellino: Federcontribuenti, da sempre impegnati per i diritti degli italiani. Insieme possiamo vincere

Share

 Federcontribunti è impegnata da anni a difendere concretamente e tangibilmente gli interessi dei tanti troppi italiani tartassati dalla azione di una riscossione ingiusta ed iniqua. E Federcontribuenti è decisa ad impegnarsi a fondo nella difesa dei tanti contribuenti onesti che questo sistema di riscossione iniquo e sbagliato perché non rispetta e non tutela innanzitutto come cittadini. Ma la lotta che Federcontribuenti intende portare avanti è una lotta che passa soprattutto attraverso la approvazione di riforme fiscali e tributarie urgenti e non più rimandabili. Fedecontribuenti sa che la sua lotta degli ultimi anni ha determinato una maggiore consapevolezza dei contribuenti italiani che oggi sono più informati dei loro diritti e soprattutto della iniquità del sistema della riscossione i Italia. Termini come estratto di ruolo, inesistenza della notifica di una cartella di pagamento, prescrizione della pretesa , intimazione di pagamento, Statuto del contribuente sono entrati a far parte , stabilmente nel vocabolario dei tanti contribuenti onesti che si vedono con sempre maggiore frequenza recapitare , troppo spesso, cartelle di pagamento contenenti pretese assurde , inesistenti o quanto meno prescritte. E federcontribuenti, nel corso di questi anno ha sempre sostenuto che difendere i contribuenti tartassati da un sistema di riscossione iniquo ed ingiusto non significa assolutamente difendere gli evasori, ma semplicemente dare una voce ed una speranza ai contribuenti onesti che esiste anche la possibilità di opporsi in qualche modo alla pretesa impositiva ingiusta : queste cose sembrano cose evidenti ma riflettiamoci attentamente e vediamo come era diversa la situazione fino a qualche anno fa. Federcontribuenti si è quindi sempre battuta e continuerà a battersi per cambiare radicalmente il sistema della riscossione in Italia, denunciando il conflitto di interessi che esiste in una riscossione che vede a capo del suo sistema lo stesso amministratore delegato della Agenzia delle entrate. E d ha condotto la sua battaglia con serietà trasparenza e con la consapevolezza che la logica dei condoni non è la propria logica perché è giusto che tutti i cittadini contribuiscano al pagamento delle tasse, ed è ora che lo stato italiano la smetta di fare condoni utili a tener buoni gli evasori che danno il proprio voto a determinate forze politiche, come lo scudo fiscale. Equitalia va combattuta e chiusa e questa idea sarà ribadita anche alla manifestazione del 15 gennaio nel corso della quale presenterà la sua iniziativa democratica per la riforma del sistema di riscossione in Italia. Iniziativa che deve coinvolgere le forze democratiche e sane del Paese che credono ancora nella possibilità di un cambiamento della riscossione nel pieno rispetto della legalità. Federcontribuenti ha condannato senza tentennamenti o indugi i vili attentati fatti da facinorosi presso alcune sedi di equitalia, perché ritiene fermamente che la violenza non solo sia deprecabile ma sia soprattutto nemica dei cambiamenti civili e democratici di un sistema democratico. Ci auguriamo fermamente che tutti i movimenti, tutte le forze politiche , che inspiegabilmente negli ultimi tempi sembrano diventati sensibili al problema equitalia, siano intenzionate, nei fatti , a dimostrare la loro voglia di cambiamento ed il loro spirito costruttivo nella reale difesa dei contribuenti italiani. Non possiamo consentire a nessuno con azioni plateali e di dubbio gusto, di gettare fango e discredito sull’operato di tante energie sane del nostro paese, che Federcontribuenti è riuscita a coinvolgere e d informare negli anni. Federcontribuenti continuerà nella sua attività di denuncia delle storture del sistema di riscossione in Italia, ma lo farà sempre e comunque nel profondo rispetto delle regole della democrazia e della legalità.

Avv. Fortunato Forcellino

presidente Federcontribuenti Campania

responsabile nazionale avvocati Federcontribuenti

Tags:

You Might also Like