Type to search

Confedercontribuenti incontra la Commissione Waserman e il vice presidente dell’Assemblea Nazionale Francese

Share

L’importante appuntamento di livello europeo ha avuto luogo su invito della partner OSDEI, Association Aide Entreprise, per discutere dei cittadini che subiscono ingiustizie giudiziarie.
Il Vicepresidente dell’Assemblea Nazionale e Deputato della seconda circoscrizione del Basso Reno, onorevole Sylvain Waserman, ha risposto alle domande degli imprenditori in difficoltà post fallimento, le cui procedure di liquidazione sono ancora aperte dopo decenni

di redazione

La Confedercontribuenti ha incontrato la “Commissione Waserman” su invito della partner OSDEI Association Aide Entreprise, presidente Brigitte Vitale, per discutere dei cittadini che subiscono ingiustizie giudiziarie.
Il Vicepresidente dell’Assemblea Nazionale e Deputato della seconda circoscrizione del Basso Reno, onorevole Sylvain Waserman, ha risposto alle domande degli imprenditori in difficoltà post fallimento, le cui procedure di liquidazione sono ancora aperte dopo decenni.
“Oggi abbiamo lanciato un messaggio importante di impegno comune ai cugini Francesi – così Carmelo Finocchiaro, presidente della Confederazione – colto dal vice presidente dell’Assemblea Nazionale Francese Sylvain Waserman (Camera dei deputati) per una iniziativa che uniformi la legislazione europea sui temi delle crisi aziendali, fallimenti e aste”.
Il deputato francese Waserman, durante l’incontro, ha dichiarato “Ho presentato ai 70 partecipanti 7 sviluppi che proponiamo al termine di questi lavori, durante i quali abbiamo esaminato 30 casi dettagliati sotto forma di commissione informale battezzata dall’associazione OSDEI ‘Commissione Wasserman’. Con questo dialogo e consenso – ha continuato il Deputato – abbiamo potuto risolvere il 25 % di questi. È una goccia d’acqua, ma non dimenticherò le parole forti pronunciate oggi da alcuni imprenditori di cui abbiamo risolto la situazione”.
Toccante ed emozionante la testimonianza di Jean Pailler, 91 anni, 7 mesi di carcere, senza che sappia ancora oggi perché il suo caso giudiziario, che dura da 53 anni, non trova soluzione.
Brigitte Vitale e Luciano Murgia, quest’ultimo rappresenta l’Associazione OSDEI in Italia, si sono detti soddisfatti per il lavoro fatto con la Commissione Waserman e per questa collaborazione con la Confederazione italiana.
Nel frattempo, in Italia si registra l’ennesimo sopruso e ingiustizia ai danni dei debitori incolpevoli.
A pagina 67 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è prevista l’abrogazione delle norme di procedura civile e delle leggi che regolano la messa all’asta delle abitazioni dei debitori insolventi, soprattutto per alcune rate di mutuo non pagate. In certi casi, per poter espellere dalla propria abitazione una famiglia, è sufficiente il mancato pagamento di appena due rate di mutuo.
A denunciare questo reale pericolo è il Vicepresidente di Confedercontribuenti, Alfredo Belluco “Questa “pseudo riforma” della Giustizia, la quale spero vivamente che non venga mai approvata, prevede che la famiglia venga estromessa e buttata in mezzo ad una strada, prima che inizino gli esperimenti di asta”.
Con un colpo di spugna viene cancellata la legge 12/2019, conosciuta come legge Bramini. In sintesi, su iniziativa dell’imprenditore Bramini che vantava 4 milioni di euro di credito dallo Stato a fronte di 2 milioni di debiti, la norma stabiliva che lo sfratto dagli immobili dal presunto debitore avvenga solo dopo l’aggiudicazione dell’asta e successivamente al trasferimento di proprietà.
L’Italia, erede culturale del diritto romano, è stata ed è la culla e la patria del diritto, purtroppo l’apparato burocratico, una giustizia impantanata in correnti e lotte intestine, una classe politica disattenta e affaristica, è nemica dei diritti, anche i più evidenti e fondamentali.
Confedercontribuenti continua senza tregua a denunciare tali casi inumani e contrari al diritto appellandosi al buon senso dell’Europa, facendo rete con le altre associazioni che hanno a cura tali importanti temi a tutela dei contribuenti e delle imprese.

 


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *