Type to search

Avere paura della mafia? E’ come avere paura dei puffi.

Share
da REDAZIONE
Avere paura della mafia e come avere paura dei puffi. Sono “inutili violenti” che si possono sconfiggere. Anzi facilmente si sconfiggono. Basta denunciarli alle forze dell’ordine, con cui collaborare sempre e in ogni caso. Denunciare i proprio estortori, usurai e mafiosi è bellissimo, perche’ le forze dell’ordine li arrestano velocemente e finiscono in galera. Farlo è un dovere verso se stessi, lo Stato e gli altri. A lanciare l’appello è il presidente di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, che chiede un forte rilancio del movimento antiracket e antiusura, movimento  che in questi ultimi anni si è di tante ambiguità e di collusi che dietro la lotta alla mafia, facevano affari e si arricchivano. Ma serve anche riordinare e riformare il Commissario Antiracket Nazionale.
 Serve una nuova primavera e ieri “a Palermo  alcuni commercianti del quartiere Borgo Vecchio hanno combattuto la paura, battendo gli estortori e la violenza mafiosa con il coraggio della denuncia.  “Grazie agli imprenditori che, con il coraggio di denunciare i loro estortori, hanno consentito l’operazione antimafia condotta  a Palermo dall’Arma dei Carabinieri, con il coordinamento della locale Direzione distrettuale antimafia, in un quartiere in cui le organizzazioni criminali esercitano in maniera capillare il controllo del territorio” Questa e la nuova antimafia che deve emergere. Quella della gente. Basta finte associazioni antiracket, serve antiracket vera. I mafiosi si battono con le azioni concrete non con i fondi PON che le associazioni antiracket hanno preso, in moltissimi casi senza dimostrare di avere aiutato nessuno a denunciare. Cambiare tutto. Partendo dal dare davvero e velocemente fondi e risorse a chi denuncia, e creando un monitoraggio e un accompagnamento affinche’ gli imprenditori  non ricadano nelle situazioni passate, spesso frutto di cattivi comportamenti causati da essi stessi. Avviamo con una nuova consapevolezza la lotta alla mafia.  Altrimenti il Covid rischia di fare brutti scherzi alla legalità necessaria.
Tags: