Type to search

24 dicembre 1979. L’Unione Sovietica invade l’Afghanistan

Share

 

di Gianni De Iuliis

Il 24 dicembre 1979 l’Unione Sovietica invade l’Afghanistan per appoggiare il governo filo-sovietico della nazione. La guerra in Afghanistan del 1979-1989, talvolta indicata anche come guerra sovietico-afghana, fu un conflitto intercorso tra il 24 dicembre 1979 e il 15 febbraio 1989 nel territorio dell’Afghanistan, e che vide contrapposte da un lato le forze armate della Repubblica Democratica dell’Afghanistan (RDA), sostenute da un massiccio contingente di truppe terrestri e aeree dell’Unione Sovietica, e dall’altro vari raggruppamenti di guerriglieri afghani collettivamente noti come mujaheddin, appoggiati materialmente e finanziariamente da un gran numero di nazioni estere.

Dopo più di nove anni di guerra, che provocarono vaste distruzioni all’Afghanistan nonché ampie perdite di vite civili, l’intervento sovietico nel conflitto ebbe termine con una ritirata generale delle proprie truppe conclusa il 15 febbraio 1989, dopo la firma degli accordi di Ginevra tra RDA e Pakistan; gli scontri tra mujaheddin e truppe governative proseguirono nell’ambito della guerra civile afghana, fino alla caduta del governo della RDA nell’aprile del 1992.

Viene definito da alcuni storici come il “Vietnam sovietico”.